Ode all’Hashtag

L’invenzione di questo piccolo e utilissimo strumento, è stato introdotto nel mondo digitale da Twitter, ed ha permesso di connettere interi universi tra di loro con un sistema semplice e di facile comprensione. Partendo dalla sua definizione, l’hashtag rappresenta le parole chiave di un argomento del quale stiamo parlando. Questo sistema di “etichettatura” ha permesso a twitter di raggruppare i messaggi pubblicati dagli utenti per gruppi di interesse.

Il potere del cancelletto è quindi forte e riconosciuto in tutto il mondo. É diventato un modo di dire, diffuso in ogni conversazione delle generazioni digitali, native o pioniere. Nell’era dei social media, è considerato uno degli strumenti più potenti che ci siano, permette di linkare in modalità instantanea un post a un gruppo di altri utenti che utilizzano lo stesso hashtag e che condividono gli stessi interessi.

Il dialogo non è mai stato così trasversale e aperto alla collettività, per questo è un mezzo potente anche per le aziende e i brand che hanno interesse a comunicare ai loro followers o potenziali tali, E’ diventato il veicolo e il mezzo per una vera e propria strategia di social media marketing.

Un’ etichetta può quindi diventare un modo molto semplice per riconoscersi in un pensiero, in una filosofia o solo per conoscere fatti o scambiarsi opinioni, permette di raggiungere e velocizzare i messaggi rendendoli pubblici e possono avere un impatto positivo alla reputazione di un brand.

Ecco qualche consiglio su come utilizzarl0:

  • Il cancelletto deve essere utilizzato davanti alle parole chiave all’interno della frase che state per pubblicare, questo la renderà rintracciabile nelle ricerche di social network che state utilizzando.
  • Gli #hashtags possono essere utilizzati in qualsiasi punto della frase, non richiedono un ordine particolare perché siano funzionanti
  • Gli hashtag non funzioneranno se l’account che li pubblica è privato.
  • Non occorre utilizzare infiniti hashtags, mediamente 3 sono più che sufficienti, se saranno troppi rischierete di produrre un inquinamento visivo che facilmente sarà associato ad una disperato desiderio di essere raggiunti da quanti più utenti possibile. Ciò non vi farà una buona pubblcità!
  • Se scrivete per un brand, ricordatevi di avere un hashtag di riferimento in cui i vostri consumatori potranno riconoscersi e che potranno utilizzare quando parleranno di voi. Sceglietene uno facile da ricordare e da scrivere o rischierete di disperdere i messaggi diretti a voi.

Che l’hashtag sia con voi!

 

No Comments

Post a Comment

Leggi l'informativa sulla privacy cliccando sul link dedicato maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi